Looking for something?


    https://www.facebook.com/frantoiofranci/

      La Raccolta 2020 secondo Giorgio Franci

      tutte

      Oinos – anno IX, n.2

      In ascolto del silenzio della campagna, si sente la grande necessità di un dialogo interiore che ci riporti a un rispettoso riordino nelle nostre vite. Siamo tutti alla ricerca di qualcosa, qualcuno. “Cerchiamo”, perché in questo 2020 ognuno ha perso qualcosa d’importante.

      Quest’anno abbiamo lavorato con un obiettivo in più, volendo rappresentare un segnale di vicinanza per i nostri clienti, ricercando e offrendo i gusti che fanno sentire amati. Non ci siamo mai fermati,  anche grazie al sostegno di chi da sempre crede nel nostro lavoro.

      scalaIn campo ci siamo dedicati anima e corpo ai nostri oliveti attraverso un monitoraggio attento e interventi costanti e puntuali. Il clima è stato dalla nostra parte, offrendo le migliori condizioni possibili per un raccolto di cui siamo molto soddisfatti. Abbiamo riscontrato rese più basse del solito, compensate però da una qualità con pochi precedenti. “Delicate”, fruttato leggero, si presenta piacevolmente verde al profumo, fresco, armonioso, pulito. Eccellente su piatti delicati e sul tartufo. Con note piccanti e amare ben equilibrate, “Le Trebbiane” è un fruttato medio estremamente versatile, ideale sui piatti autunnali. Il “Villa Magra”, fruttato intenso, offre un gusto piccante e amaro estremamente bilanciato, equilibrio che trova la sua migliore espressione su carni rosse e sughi saporiti. La linea dei Cru anche quest’anno si caratterizza per un’elevata complessità, data da un attento studio. Di “Rose”, il fruttato leggero monocultivar di Olivastra Seggianese, sono disponibili poche bottiglie, in compenso la natura è stata generosa, conferendo un bouquet di profumi floreali sorprendente. Eccellente sull’Ostrica Royale. Il “Moraiolo” porta con estremo equilibrio l’amaro e il piccante, ottimo  su zuppe autunnali e tartare di carne rossa. Il “Villa Magra Grand Cru” guida a una vera e propria riflessione, a un ascolto di note delicate, di frutta rossa, che si aprono a un gusto fresco di mandorla e carciofo, si chiude con un piccante speziato e di lunga persistenza. Lo consigliamo su riso in bianco e parmigiano, ma anche su bruschetta con scaglie di pecorino stagionato. Ottimo per accompagnare il sushi, con o senza wasabi, e su piatti della tradizione toscana.

      flusso

      Abbiamo assaggiato, studiato e voluto extravergini che fossero soprattutto “ingrandienti” di sapori e offrire al cliente più di una coccola, le attenzioni che fanno la differenza. Un modo di prendersi cura degli altri e di noi stessi, dando armonia alle nostre giornate. Per questo per noi la qualità è così importante, non è solo questione di bontà, ma d’emozione.

      Questo impegno nella valorizzazione dell’extravergine ha portato inoltre grandi soddisfazioni: La Stella di Gambero Rosso e l’accesso per due anni consecutivi alla Hall of Fame della Guida Flos Olei con un punteggio di 100/100! Entrambi riconoscimenti alla costanza con cui abbiamo offerto la massima qualità, anno dopo anno. Premi che sono ancora più importanti quando, come nel nostro caso, sono sostenuti dalla stima dei nostri clienti, a cui dedichiamo sempre gli orgogli più grandi.

      Per concludere, davanti ai timori che ha portato quest’anno abbiamo reagito arricchendo la nostra identità con un nuovo logo aziendale. WhatsApp Image 2020-12-05 at 16.28.02Chiunque abbia visitato il Frantoio avrà sicuramente impressa la sala dedicata alle degustazioni, in classico stile toscano e che un tempo era un vecchio fienile, con una lunga parete a mattoncini molto caratteristica.  Ecco, mi trovavo qui, al termine di una sessione d’assaggio quando, accompagnato in sottofondo dal rumore delle macchine al piano di sotto, mi sono trovato con lo sguardo immerso in questa parete di mattoni, a pensare. Questa parete è qui da sempre, eppure solamente adesso mi accorgo di come l’incastro dei mattoni sia una texture, un ripetersi di “F”. Una lettera da sempre ricorrente per noi: Famiglia Franci, Fondatori Franco e Fernando Franci (mio zio e mio babbo), Frantoio Franci.

      In questo momento di introspezione ho sentito di voler esprimere tutto questo in un nuovo logo, rappresentativo della mia Famiglia e del nostro lavoro: due “F” che si abbracciano, s’incastrano e che formano un mattone, per raccontare come dalla stabilità della nostra Famiglia sia potuto nascere ciò che oggi siamo.bianco-tuscany

      By Commenti disabilitati su La Raccolta 2020 secondo Giorgio Franci