Looking for something?

About us

Giorgio Franci
Frantoio Franci nasce negli anni ’50 sulla collina di Montenero d’Orcia, piccolo borgo che dalle pendici dell’Amiata domina il paesaggio della Val d’Orcia, quando i fratelli Franco e Fernando Franciacquistano uno storico oliveto chiamato Villa Magra e ristrutturano un antico fienile per farne un frantoio. Continua

    Dicono di noi

    “L’extravergine del Frantoio Franci di Montenero d’Orcia si conferma di gran lunga, in base ai riconoscimenti ottenuti dalle diverse guide specializzate ed in base ai premi vinti come il prodotto di punta della produzione olivicola di qualità.”

    “Gambero Rosso”, luglio 2005


     

    “La nota di erba tagliata è sempre li ben presente, ma anche quella del cardo e della mandorla seguite da una piccola sensazione di tuberi e ortica nel finale olfattivo che però mostra piccoli segni di cedimento. Lo splendido equilibrio tra amaro e piccante caratterizza il profilo gustativo. Amaro e piccante si, proprio quelle caratteristiche tipiche degli oli freschi, buoni, verdi. Al palato però emergono anche le note di radicchio e rucola per poi terminare con la classica mandorla. Di cosa parliamo? Del Villa Magra Grand Cru Monocultivar di Frantoio di Giorgio Franci… raccolta 2011!!! Le emozioni non hanno data di scadenza.”

    Indra Galbo, Gambero Rosso


     

    “I gioielli del Frantoio Franci brillano nei tre stelle francesi. Villa Magra Grand Cru e Gemini due indiscussi fuoriclasse protagonisti nelle più famose cucine del mondo.”

    “Sapori e Piaceri”


     

    “Cento bottiglie d’olio per cento grandi Bordeaux…”

    “Il Chianti e le Terre del Vino”, dicembre 2003


     

    “Metà toscano metà siciliano, è nato Gemini l’olio delle meraviglie.”

    “Il Tirreno”, 4 gennaio 2004


     

    “Gemini è un olio speciale che racchiude nel suo nome e nel suo corpo una duplice anima.”

    “Sommelier & Gourmet”, ottobre 2004


     

    “Ha cominciato a collezionare premi nel 1999, e da allora non si è più fermato. Ormai il Frantoio Franci di Montenero d’Orcia è diventato il simbolo dell’olivicoltura di qualità.”

    “Il Sole 24 Ore”, dicembre 2004


     

    “Oli e Guide. Tre libri celebrano le virtù dei migliori prodotti italiani. Marche e Sicilia alle spalle del vincitore Frantoio Franci.”

    “Milano Finanza”, 7 maggio 2005


     

    “I Mastri Oleari premiano l’olio di Montenero d’Orcia. Il Frantoio Franci è l’unica azienda al mondo ad aver vinto il “Leone d’Oro” per ben tre volte.”

    “I Grandi Vini”, maggio-giugno 2005


     

    “ … paragonava i suoi oli non a quelli degli altri produttori di olio ma a Cheval Blanc e ad Haur Brion in Bordeaux … Sinceramente non sapevamo cosa pensare di questo giovane produttore molto sicuro di se… Quando abbiamo iniziato ad assaggiare tutti i nostri dubbi sono scomparsi, i suoi oli avevano una pulizia ed una complessità che non hanno eguali.”

    Emanuel Berk, “The Rare Wine Co”


     

    “ … tutti i tuoi oli sno estremamente puliti e freschi. Le differenze tra il “Fiore del Frantoio” ed il “Villa Magra Grand Cru” è semplicemente struttura e complessità.”

    Un Amico


     

    “Der Feinschmeker laurea Villa Magra miglior extravergine del mondo.”

    “Terre del Vino”, luglio-agosto 2006


     

    “ … si è rimboccato le maniche ed ha cominciato la vita meno leggiadra del produttore. Ma è stato così bravo da creare un miracolo: produrre un olio pluripremiato che sul mercato internazionale vale quanto un Bordeaux.”

    “Sommelier Toscana”, dicembre 2007


     

    “Straordinario anche quest’anno il lavoro svolto dalla Famiglia Franci che, selezionando e differenziando sia le cultivar che il periodo di raccolta, propone tre selezioni con caratteristiche sì diverse tra loro, ma unite da una matrice “toscana” comune e dall’entusiasmante qualità.”

    Bibenda “L’Olio”, 2008


     

    “Compie quest’anno mezzo secolo di vita il Frantoio Franci. Cinquant’anni di attività, di studio, di pratica, di esperienza. E di scelte azzeccate, evidentemente. Solo etichette di grandissimo livello, con punte di limpida eccellenza.”

    Franco Maria Ricci, “Il Tempo”, 26 ottobre 2008


     

    “In un anno che ha presentato problematiche molteplici, l’équipe di Giorgio Franci ha fatto emergere tutta la determinazione e la bravura per contrastare le avversità e presentare una batteria straordinaria, ancora una volta. Quindi, nel suo caso, se c’è stato un cedimento è stato piuttosto nella quantità prodotta, non certamente nella qualità.”

    Slow Food, “Guida agli Extravergine”, 2008


     

    “L’olio Olivastra Seggianese Franci: Un ulivo che sta più in alto degli altri sulle pendici del magico Amiata, un frantoiano che ha vinto tutti i premi possibili: l’incontro di due grandi personalità in una bottiglia alta e snella.”

    “Sapori d’Italia”, dicembre 2008/ gennaio 2009


     

    “Ancora un premio, meritatissimo, a sancire l’eccellenza della produzione del Frantoio Franci… Nove edizioni della Guida su nove e sempre a livelli strepitosi, i Franci non finiscono di sedurci.”

    Marco Oreggia, “L’Extravergine”, 2009


     

    “Tutte le etichette del Frantoio Franci hanno una personalità e uno standard di qualità ben definiti per caratteristiche organolettiche e parametri chimici che garantiscono al consumatore la continuità qualitativa di anno in anno.”

    Slow Food, “Guida agli Extravergine”, 2010


     

    “Praticamente insuperabile: un ricchissimo ventaglio di proposte, tutte qualitativamente impeccabili.”

    Marco Oreggia, “Flos Olei”, 2011


     

    “ … penso che Giorgio Franci abbia dovuto ad un certo punto della sua carriera, difendersi dallo spionaggio industriale; lo penso perché i suoi oli hanno sbaragliato tutti i concorsi nazionali ed internazionali ed ancor oggi lo fanno, sa non li boicottano. Questa fama gli è derivata da una tecnica di estrazione studiata a lungo ed elaborata con i consigli del “babbo” Fernando, frantoiano mastro e fabbro come solo i toscani d’altro tempo sanno essere. Il frantoio … i tempi, le temperature, l’influenza dell’ossigeno dell’aria, la formazione degli aromi a basso numero di atomi di carbonio (C5 e C6), la via delle lipossigenasi a casa Franci si conoscono meglio che all’Università, perché lì, oltre alla teoria, si fa l’olio vero e non le chiacchere. Il suo monocultivar “Frantoio” è preciso, da manuale, si studia per rifarlo uguale. Gli aromi tipici del carciofo foglia, i piccanti stellari, gli amari tecnici e tipici sono il punto di riferimento per chi lavora questa cultivar.”

    Dott. Gino Celletti, monocultivaroliveoil.com